Salesforce commerce cloud Business solution partner Salesforce commerce cloud

 

Softfobia Blog

Come creare una Landing Page efficace: guida e strumenti

Come creare una Landing Page efficace: guida e strumenti

Come creare una Landing Page efficace? Tutte le aziende che decidono di investire in tecniche di inbound marketing come SEO, inserzioni Adwords e Adv Social, hanno la necessità di strutturare pagine di atterraggio per accompagnare i visitatori verso la call to action (indurre gli utenti a compiere un’azione come la richiesta di un prodotto/servizio, di un preventivo o la semplice registrazione). Perché le landing page siano efficaci, devono rispondere a determinati requisiti quali usabilità, creatività, capacità di persuasione e capacità di creare fiducia nel marchio.


Landing Page: coerenza tra punto di partenza e punto di arrivo

Il primo passo da compiere è quello dell’individuazione del focus della pagina di atterraggio che deve mantenere la coerenza con quanto anticipato dal referral. Ad esempio, se un’inserzione Adwords promette un servizio adattabile a determinate esigenze e ad un basso costo, il visitatore che clicca sull’annuncio deve trovare sulla landing page il servizio promosso con quelle esatte caratteristiche.

E’ un principio imprescindibile, richiesto da ruolo cruciale che le landing page ricoprono all’interno di una strategia di web marketing: utilizzare una pagina di atterraggio efficace può aiutarti a incrementare (notevolmente) il tasso di conversione, accompagnando l’utente verso l’obiettivo aziendale (che sia comprare un prodotto o scegliere un servizio) senza troncare in partenza le sue aspettative.


Come creare una Landing Page efficace: i contenuti

La pagina di atterraggio può essere considerata come un biglietto da visita aziendale, per questo è importante concentrare le informazioni rilevanti sui servizi offerti ed esaltare le potenzialità del Brand. Vediamo come strutturare i contenuti:

  1. Headline – Il titolo principale, la frase di apertura che anticipa il contenuto della landing page: deve essere efficace, persuasivo e in linea con il servizio offerto. Ma soprattutto deve indurre l’utente a proseguire nella lettura, riducendo al minimo la frequenza di rimbalzo e l’uscita prematura dalla pagina. Una Headline vincente può (da sola) incidere sul tasso di conversione per un buon 30-40%.
  2. Sottotitolo – Accompagna la Headline con un sottotitolo che amplifichi la rilevanza del servizio offerto e che ne promuova le specifiche.
  3. Elenchi puntati – Suddividi la landing page in elenchi puntati o quadranti, con contenuti sintetici e persuasivi che esaltino i vantaggi dell’offerta.
  4. Call to Action – L’invito all’azione è il motivo per cui si decide di costruire una pagina di atterraggio, il focus della strategia. E’ di fatto una chiamata rivolta all’utente perché compia una determinata azione. Tutta la struttura della landing page deve essere pensata e realizzata per soddisfare l’obiettivo e incanalare le intenzioni del visitatore verso un’azione specifica. Ricorda che l’obiettivo deve essere uno solo: non riempire la landing page di chiamate all’azione differenti, mantieni la barra dritta e non concedere all’utente vie di fuga (come pulsanti social o azioni secondarie che possano portare all’abbandono).
  5. Bottone – La call to action è finalizzata a convincere il lettore a premere un bottone, elemento universalmente riconosciuto come qualcosa di cliccabile (utile per registrarsi al sito, scaricare un contenuto, raggiungere il modulo per la richiesta di preventivo o l’acquisto diretto).
  6. L’urgenza – Il focus della call to action è nel bottone. Lo stesso può essere accompagnato da incentivi psicologici capaci di persuadere l’utente. Ad esempio puoi indicare il numero dei prodotti o dei servizi rimasti, oppure puoi sottolineare con un countdown la scadenza dell’offerta.
  7. I precedenti – La call to action può essere esaltata dal numero di utenti che hanno già svolto l’azione, sottolineatura che può dare ulteriore rilevanza al servizio.
  8. Testimonial - Infine è consigliato inserire le opinioni di chi ha usato il prodotto/servizio, pareri che possono amplificare la credibilità dell’offerta e la web reputation del brand.

Il Web Design di una Landing Page efficace

Abbiamo visto quali devono essere gli elementi imprescindibili di una pagina di atterraggio. La domanda seguente è: come il web design può aumentare le conversioni di una Landing Page? Ecco qualche consiglio:

  1. Semplicità – Pochi passaggi e numero di clic ridotti all’osso. Ogni clic superfluo riduce il tasso di conversione.
  2. Call to action multiple per lo stesso obiettivo - Utilizzate più chiamate all’azione per finalizzare il risultato: oltre al bottone, immagini linkabili e collegamenti ipertestuali.  
  3. Lunghezza della pagina – Evitate l’eccessivo scrolling. In ogni caso, è bene che i contenuti chiave vengano posizionati nella prima parte, quella immediatamente visibile. Successivamente potete offrire contenuti di approfondimento.
  4. Grafica empatica – Il web design deve essere coerente con il contenuto e incentrare l’attenzione sulla call to action. La qualità è fondamentale: un contenuto accompagnato da una grafica scadente non genera fiducia.
  5. Design responsive – La landing page deve essere accessibile da tutte le tipologie di device: desktop, tablet e mobile.
  6. Elenchi puntati – Gli elenchi puntati non devono superare il numero di 6.
  7. Dove posizionare la call to action – Il bottone va inserito nella prima parte della pagina o alla fine?  La tendenza è quella di posizionare la call to action above the fold, ma la soluzione migliore è quella di testare il bottone anche alla fine della pagina.  
  8. Leggerezza – Non appesantire la pagina, lascia respirare i paragrafi e fai in modo che il bottone non sia “soffocato” da altri elementi.
  9. Dimensioni e colore - Il bottone deve essere grande e in risalto, in evidente contrasto con lo sfondo. Utilizza pulsanti reattivi al passaggio del puntatore, fai in modo che appaiano nell’immediato come oggetti cliccabili.
  10. Testo del bottone – Un semplice “clicca qui” può non bastare. E’ necessario evidenziare il valore aggiunto dell’offerta in maniera sintetica. Ad esempio, se dovete vendere una consulenza per e-Commerce, un’idea di testo efficace può essere “Aumenta il tasso di conversione” o “Aumenta le vendite del tuo e-Commerce”.
  11. I Test - L’efficacia di una landing page deve essere verificata. Utilizza test AB (come Google Website Optimizer) per migliorare le performance delle pagine di atterraggio.
Web Design
SOFTFOBIA S.r.l. a socio unico
Tutti i diritti riservati // Sede Legale e Operativa: Via San Tommaso D’Aquino 18/A - 09134 - CAGLIARI // P.Iva e Cod. Fiscale 02580000921

 
Privacy Policy Cookie Policy

Contatti

Cagliari - Via San Tommaso D’Aquino, 18/A
Tel. +39 070 2087115 - Fax +39 070 504788
Milano - Piazzale Biancamano, 8
Tel. +39 02 62033105 - Fax +39 02 62034000